Radici Taurasi DOCG 2012 Mastroberardino 75 cl.

Radici Taurasi DOCG 2015 Mastroberardino 75 cl.

25.50

Espressione esemplare del vitigno Aglianico, questo vino rappresenta la storia e la cultura della viticoltura Irpina. Vendemmia dopo vendemmia, il taurasi Mastroberardino conserva intatta la personalità che lo ha reso famoso nel mondo. Nasce dal gemellaggio delle selezioni di uve Aglianico dalle tenute di Montemarano e di Mirabella Eclano. In cantina si procede ad una lunga macerazione con le bucce, a temperatura controllata, ed all'affinamento per quattro anni, due dei quali in botte e i restanti due in bottiglia.

Vino di un bel rosso rubino intenso, al naso offre un bouquet ampio, complesso, intenso e ricco di sentori che ricordano la ciliegia, la viola, i piccoli frutti rossi e un peculiare aroma speziato. Al palato è avvolgente ed elegante con aroma di prugna, ciliegia nera, fragole e intense sensazioni speziate. Da abbinare a arrosto e pietanze speziate.

Solo 2 pezzi disponibili

Categorie: , Tag: ,
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)
  • Produttore

Informazioni aggiuntive

Peso 2. kg
Regione

Campania

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Radici Taurasi DOCG 2015 Mastroberardino 75 cl.”

logo-mastroberardino

La famiglia Mastroberardino è tra le prime a credere nell’enorme potenziale dell’Irpinia. Se oggi i vini di questo territorio sono annoverati tra le eccellenze internazionali, lo si deve alla costanza e all'enorme contributo culturale di Antonio Mastroberardino, che ha creduto fortemente nella tipicità territoriale anche quando l’andamento nazionale accoglieva, per comodità, gli uvaggi internazionali sicuramente più facili da gestire. L'azienda nasce con Angelo Mastroberardino, nel 1878, con la registrazione dell’azienda alla camera di commercio di Avellino e le prime esportazioni del vino in Europa e poi grazie al figlio Michele, in America. Ad oggi si sono susseguite dieci generazioni, che hanno portato Piero Mastroberardino al timone di questa azienda a cui l’intera regione Campania deve essere grata.